Mercoledì Dicembre 08 , 2021
Text Size
   

Inarcassa: più ombre che luci per il nostro ente previdenziale

È tempo di adoperarsi per rimuovere le cancrene sedimentatisi nel corso degli ultimi anni, in modo particolare nel passato quinquennio, procedendo con un radicale rinnovo del Comitato dei Delegati.


La riforma previdenziale avviata da Inarcassa nel 2012 mette a repentaglio i principi di uguaglianza e solidarietà tra le varie generazioni di iscritti, soggetti ad imposizioni vessatorie. Si è proceduto ad una ristrutturazione del debito, senza ottimizzare i principi di gestione, operando una spending review (come imposto dalla legge Fornero), ma decurtando notevolmente le pensioni future.
Come se non bastasse, dal 2002 ai giorni nostri sono state attivate varie iniziative sottratte al controllo del Comitato Nazionale dei Delegati, come la creazione di Inarcheck SPA, la partecipazione alla realizzazione del Campus Biomedico SPA, Inarcommunity, Parching s.r.l., Arpinge SPA, che hanno generato costi senza che sia chiaro quali siano i tempi di ritorno.
Pure il cospicuo patrimonio immobiliare è stato “alienato”, affidandolo a fondi immobiliari che, pur essendo controllati da Inarcassa, rispondono solo al Consiglio di Amministrazione, con ciò sottraendolo al controllo del Comitato Nazionale dei Delegati e quindi al rapporto con gli iscritti.
Nel 2013 vi è stato un aumento complessivo del 44% dei contributi minimi rispetto all’anno precedente, proprio nel bel mezzo di una crisi economica globale, che attanaglia in modo particolare i liberi professionisti. A tutto ciò deve aggiungersi il regime sanzionatorio, che, ancorchè mitigato nell’ultimo quinquennio, risulta spesso, con la sua rigidezza, un ostacolo inflessibile per risolvere situazioni oggettivamente complesse, che in alcuni casi hanno sfiorato l’80% dei contributi dovuti.
Per non parlare della trasparenza degli atti (delibere, verbali, votazioni del CND e del CDA), secretati come se dalla loro divulgazione dipendessero le sorti del nostro paese.
E’ tempo di adoperarsi per rimuovere tali aspetti negativi sedimentatisi nel corso degli ultimi anni, in modo particolare nel passato quinquennio, procedendo con un radicale rinnovo del Comitato dei Delegati.
Per questo è fondamentale una immediata inversione di marcia che porti ad una riduzione dei contributi minimi a fronte di una pensione base certa e dignitosa per la nostra categoria.
Proprio per cambiare questo stato di cose, generato da una mentalità chiusa di alcuni che pretendono di rappresentare esclusivamente i propri interessi, è arrivato il momento di una nuova generazione che sia in grado di far sentire la voce dei tanti e che abbia il coraggio di battersi per difendere i diritti degli iscritti alla nostra cassa di previdenza.
Per queste finalità chiedo il vostro sostengo, votandomi e facendomi votare. Grazie.

 

Se condividi queste mie proposte ti chiedo di conservare la scheda elettorale che ti sarà inviata da Inarcassa (non sarà possibile ottenere altre copie per il voto di corrispondenza) e di darmi il tuo appoggio, scrivendo su di essa: Massimiliano Rossetti.

Iscriviti alla Newsletter

Per ricevere le ultime news da Massimiliano Rossetti - Official Site inserisci il tuo nome e la tua mail, spunta la casella per accettare i termini sulla Privacy e clicca su Iscriviti

Fiera Milano Congressi



Torna dall'8 al 10 Aprile 2015 nel polo espositivo e congressuale di Fiera Milano Congressi, l'evento fieristico e convegnistico dedicato alle tecnologie energetiche low-carbon per edifici, reti e città intelligenti... [Leggi tutto]

Open Sees Day Italy



Open Sees come strumento di ricerca e progettazione in Italia, Modellazione di sistemi strutturali geotecnici, Analisi non lineare, calcolo parallelo, cloud computing, interfacce grafiche, casi di studio... [Leggi tutto]

Giovani ingegneri geotecnici



Incontro annuale dei giovani ingegneri geotecnici, un’iniziativa AGI organizzata in collaborazione con gli ordini provinciali degli ingegneri. Discussioni e scambio di esperienze tra giovani professionisti e ricercatori... [Leggi tutto]